venerdì 24 novembre 2017

LAVORI IN CORSO

Ogni tanto fa piacere dare qualche buona notizia. Non solo tristi resoconti di vandalismi e maleducazione, ma anche nuovi lavori, interventi attesi che iniziano, sopralluoghi e impegni non più solo generici ma finalmente attuali, concreti.


Così è per l'inizio dei lavori per il parcheggio nel giardino (finora inutilizzato) della scuola infermieri. All'inizio del mese l'assessore Gatto ci ha illustrato il progetto, che era stato definitivamente approvato dalla giunta e i cui lavori sarebbero iniziati a breve. Infatti da qualche giorno il cantiere è stato aperto e i lavori fervono. Voglio qui dare il giusto merito all'Amministrazione che ha mantenuto quanto promesso, realizzando un'opera che servirà a decongestionare la situazione dei parcheggi nella zona degli esercizi commerciali.


Nel 2011, all'inizio dell'esperienza del Comitato di Quartiere, analizzando le varie necessità della popolazione, eravamo concordi nel constatare che i parcheggi della zona esercizi commerciali erano congestionati, e il loro utilizzo disagevole. Avevamo quindi inoltrato una osservazione al costituendo PRG per chiedere che il giardino della scuola infermieri  fosse destinato ad uso parcheggio. Colgo l'occasione per ringraziare l'architetto Nadia Gomba, all'epoca facente parte del Comitato di Quartiere, che si occupò di espletare tutte le formalità della parte burocratica. Grazie anche a lei ora quella lontana visione sta prendendo forma e sostanza.


Ho recentemente riscontrato una particolare attenzione dell'Amministrazione anche verso altre necessità a lungo evidenziate dal Comitato. Una settimana fa abbiamo effettuato un sopralluogo, con l'assessore Gatto e il capo ripartizione Lavori Pubblici, per controllare sul posto la situazione del transito pedonale lungo la SS231. L'obiettivo è un progetto finalmente concreto per la realizzazione dei marciapiedi che permettano di muoversi in sicurezza lungo quella che è, a tutti gli effetti, una via cittadina, anche se sopporta un transito da strada extraurbana. E ho riscontrato anche segnali di impegno concreto per la risoluzione del problema della mancanza di loculi nel cimitero locale.

Insomma, mi pare che negli ultimi tempi ci sia una reale, concreta attenzione verso le richieste che il quartiere in questi anni ha evidenziato. Qualcosa è stato fatto, qualcosa è iniziato, qualcosa va verso un serio, concreto iter di progettazione e finanziamento. Parlandone informalmente, l'assessore mi ha confermato che non era una questione di cattiva volontà, ma semplicemente bisognava terminare degli impegni e dei progetti in altre parti della città, prima di metterne in cantiere di nuovi. Come dire: poco per volta si fa tutto, o quasi.   

mercoledì 22 novembre 2017

AVVISO

Comunicazione di servizio.
Dedicato ai lettori del nostro blog che sono tesserati iscritti presso il Circolo Acli di Scaparoni.



sabato 11 novembre 2017

TABULA RASA



Alla fine, per evitare ogni possibile pericolo di caduta, è stata rimossa anche l'ultima pianta rimasta. Probabilmente sarebbe morta, seccata in ogni caso, date le profonde ferite che gli erano state inflitte. Ed avrebbe costituito un pericolo incombente sulla strada. Dispiace ammetterlo, ma alla fine Genserico ha ottenuto quello che voleva. Le piante 'un gli garbavano, le ha tagliuzzate ben bene, ed ora le piante 'un ci son più.


Speriamo che non gli diventi antipatico pure il muro di recinzione, i loculi  o le tombe di famiglia.



venerdì 10 novembre 2017

NE RESTERA' SOLO UNO



Dopo l'abbattimento ad opera di ignoti di una delle tre piante davanti al cimitero, l'ufficio tecnico ha provveduto a rimuovere una delle altre due rimaste. C'era la concreta possibilità di caduta, dato il precario equilibrio in cui si trovava, dopo essere stata, come le altre due, fatta oggetto ad atti di vandalismo, con dei profondi tagli alla base del tronco, su tutto il loro perimetro.

Mi auguro che l'Amministrazione, proprietaria del sito, provveda alla denuncia contro ignoti per i danni causati al patrimonio pubblico. Non si capisce a chi potessero dare fastidio queste tre bellissime piante che invece conferivano solennità al luogo cui facevano da cornice.

Abbiamo detto in tutte le salse, ad ogni occasione, in ogni richiesta, ad ogni interlocutore, come quello del vandalismo, degli atti inutili, gratuiti e soprattutto sempre impuniti sia il vero flagello che tormenta il nostro quartiere. Come per quanto riguarda in generale il paese, si registra una sostanziale impotenza, sia nell'accertamento delle responsabilità, sia per una legislazione ipergarantista che, se anche in linea di principio potrebbe sembrare propria di un paese civile, all'atto pratico poi contribuisce a generare una sostanziale impunità, una consapevolezza di poter fare tutto quello che si vuole, senza conseguenze.

Nessuno sa chi sia il responsabile di questo scempio ad un luogo in cui ciascuno di noi ha almeno una persona cara. Invito chi sia a conoscenza di particolari che possano aiutare a risalire ai responsabili a farsi avanti presso le autorità. E invito anche chi ne ha la funzione a mettere in atto ogni possibile accorgimento per evitare il ripetersi di simili atti. Che sia deterrente, che sia inquirente, che sia repressiva, ogni azione che possa porre fine o mitigare questa spirale deve essere intrapresa. La pazienza della popolazione è grande, ma non è infinita.

giovedì 9 novembre 2017

QUALCOSA SI E' MOSSO

... purtroppo ormai è tardi per organizzare turni di sorveglianza...

... fate solo attenzione a non passare troppo vicini, che non vi càschino gli altri due sulla testa....





Scrivi qui